DURA LEX SED LEX
articoli correlati
sondaggio:
Abolizione Legge Merlin
favorevole
Contrario
carattere piccolocarattere mediocarattere grande

Perizia psichiatrica

Il giudice decide sulla base dei certificati medici in caso di rifiuto dell'imputato di sottoporsi all'accertamento peritale ( Cassazione penale, Sesta Sezione, Sentenza 38718/2006)




Il giudice può disporre una perizia psichiatrica per verificare l'imputabilità del soggetto, vale a dire la sua capacità di intendere e volere al momento della commissione del fatto di reato.
L'accertamento peritale, però, non è obbligatorio nel nostro ordinamento, tanto che la mancata assunzione no costituisce motivo di ricorso per Cassazione (Cass. 13086/1998).

La Suprema Corte ha affermato che, nell'ipotesi in cui l'imputato si rifiuti ripetutamente di sottoporsi senza legittimo impedimento alla perizia, il giudice potrà prendere in considerazione i certificati medici che sono idonei "a rappresentare la condizione soggettiva dell'imputato".
Nel caso di specie, affrontato dalla Sesta Sezione, le perizia era peraltro stata richiesta dalla stessa difesa e l'impossibilità dell'accertamento dovuto a colpa dell'imputato comportava esclusivamente un'ingiustificata sospensione del processo.
La perizia, infatti, non può essere imposta dal giudice mediante accompagnamento coattivo altrimenti verrebbe violato l'art. 13 Costituzione.



                                                                                          L.T.


Milano, 12 aprile 2007